Centro Sardegna

Barbagia e Ogliastra

Le subregioni storiche della Barbagia e dell’Ogliastra spiccano per un’altissima concentrazione di bellezze e di monumenti naturali, nonché per avere la più vasta estensione montuosa dell’isola. In esse si ergono il massiccio del Gennargentu e l’altopiano calcareo del Supramonte che, soggetto nel corso dei millenni a continui fenomeni carsici, ha visto la formazione di monumentali grotte, doline, gole, e sorgenti carsiche di un inestimabile valore naturalistico.

Un’area arricchita maggiormente da suggestive codule che sfociano sul mare a formare spiagge di sabbia bianchissima incastonate fra ripide falesie e pinnacoli giganti.

Il territorio presenta valli incantate e declivi montani ricoperti da una vegetazione fitta e rigogliosa alimentata dalle numerosissime falde acquifere che danno origine a numerose sorgenti e torrenti.

Infine, bisogna evidenziare i monumentali tacchi che appaiono improvvisamente mentre si percorrono strade di montagna poco o nulla trafficate: vertiginose le loro altezze, spettacolari i panorami che offrono. Ve n’è un numero imprecisato ma quelli più emozionanti sono il Tacco di Perda ‘e Liana a Gairo e la Scala di San Giorgio a Osini, paesi flagellati da un violento alluvione che li ha ridotti a degli autentici paesi fantasma: di loro sono rimaste solo le macerie e le vecchie abitazioni sono ormai abbandonate.

Sono queste le subregioni della Sardegna dove è più forte il legame con le tradizioni, dove la fusione fra riti religiosi e pagani raggiunge l’apice della sacralità. Non a caso la maggioranza dei paesi che aderisce al programma di eventi Cortes Apertas e Primavera nel Cuore della Sardegna, si trova in questa zona.

Da un punto di vista archeologico, anche se alcune porzioni del territorio si presentano aspre e ostili, sia la Barbagia sia l’Ogliastra possiedono, analogamente alle altre zone della Sardegna, interessanti testimonianze archeologiche a dimostrazione di un insediamento umano che si perde nella notte dei tempi: nel territorio di Dorgali, per esempio, il villaggio di Serra Orrios contava circa 70 capanne circolari e due tempietti a megaron.

Le principali località

Nuoro

Cittadina di montagna e centro culturale di grande rilievo, ha dato i natali alla scrittrice Grazia Deledda, vincitrice del premio Nobel per la Letteratura nel 1926.

Candidata come capitale italiana della cultura nel 2020, ospita alcuni fra i musei più importanti della Sardegna, come il Museo del Costume e il Museo Ciusa.

Importante sotto il profilo religioso e folkloristico è la Sagra del Cristo Redentore, una manifestazione che si celebra ogni estate ad agosto tra la città e il lussureggiante Monte Ortobene.

Orgosolo

Ciò che rende unico questo paese, situato ai piedi del suggestivo Supramonte, sono i quasi 200 murales politici e illustrativi di argomenti legati ai problemi del mondo e della società in generale. Dipinti sulle facciate delle case, lungo le vie del paese, rendono Orgosolo un’autentica pinacoteca a cielo aperto.

L’offerta naturalistica è un’altra peculiarità di questo vivace centro. Si va dalla maestosa dolina di Su Suercone alla foresta di Montes, una foresta di leccete secolari che raggiungono anche i 25m di altezza. Al confine con la foresta s’innalza invece il Monte Novo San Giovanni, una montagna che offre una spettacolare visuale a 360 gradi.

Oliena

In questo comune la presenza dell’uomo è attestabile sin dall’età paleolitica con la scoperta sorprendente di una falange di mano, datata 20 mila anni fa, rinvenuta nella Grotta Corbeddu e conservata oggi nel Museo Archeologico di Nuoro.

Del periodo nuragico la testimonianza antropica più significativa è il complesso nuragico Sa Sedda ‘e Sos Carros, dove venivano fusi e lavorati gli oggetti metallici ritrovati nel territorio circostante, e dove si ritiene venissero svolti dei riti religiosi legati al culto dell’acqua.

Sono tuttavia i fenomeni carsici le attrazioni più numerose di questo territorio: la Risorgiva di Su Gologone è solo un sorprendente esempio.

Dorgali

Nel territorio di Dorgali è ubicato uno dei luoghi più suggestivi dell’Isola, dove la combinazione tra fenomeni carsici e testimonianze archeologiche trova la massima espressione. Si tratta di Tiscali, la misteriosa dolina carsica un tempo abitata dalle popolazioni nuragiche e oggi meta di tanti visitatori.

Congiuntamente ad altre attrazioni culturali come il complesso nuragico di Serra Orrios e la tomba dei giganti di S’Ena ‘e Thomes, Dorgali annovera importanti attrazioni naturalistiche come la Grotta del Bue Marino e di Ispinigoli, e le calette – Cala Luna e Cala Goloritzé solo per citarne un paio – fra le più incantevoli della costa orientale.

Orani

Orani è un piccolo paese alle pendici del Monte Gonare, sulla cui sommità, oltre a godere di un panorama sconfinato che spazia dalla costa occidentale a quella orientale, è situata la chiesetta più in alto della Sardegna, quella dedicata alla Nostra Signora di Gonare.

Diverse sono le chiesette presenti anche nel centro abitato che, sebbene da fuori abbiano un aspetto frugale, internamente sono decorate da pregevoli affreschi.

Orani è inoltre famosa perché ha dato i natali a Costantino Nivola, uno dei maggiori scultori contemporanei di fama internazionale.

Marmilla e Sarcidano

Subregioni situate nella parte centro meridionale dell’Isola, la Marmilla e il Sarcidano si caratterizzano per gli affascinanti paesaggi corollati di colline e di altopiani, il più conosciuto dei quali – la Giara – ospita all’interno dei suoi confini naturali una razza endemica di cavalli selvaggi.

Nel territorio sorge un massiccio montuoso – Monte Arci – ricco di ossidiana, un minerale di natura vulcanica che, prestandosi a molteplici usi, ha rappresentato in epoche antiche un importante bene di prima necessità, e perciò bene di scambio con le popolazioni dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Imponenti i nuraghi e numerosissime, in generale, le testimonianze archeologiche del territorio.

Laconi

Laconi è il paese che sintetizza la ricchezza naturalistica e archeologica presente in queste due subregioni della Sardegna. A Laconi si trovano boschi e sorgenti, e il parco cittadino più grande della Sardegna, il Parco Aymerich, dove all’interno è situato il castello dei nobili Aymerich.

Da un punto di vista archeologico, a Laconi si trova il museo della Statuaria Preistorica che conserva decine di statue menhir ritrovate nel territorio circostante, molte delle quali si trovano ancora conficcati nelle campagne del paese nella valle dei menhir.

Nativo di Laconi è, infine, Sant’ignazio, uno dei santi più venerati in Sardegna. A fine agosto ogni anno si celebra la sua festa, e per l’occasione migliaia di pellegrini accorrono da tutta la Sardegna per raccogliersi a pregare nella chiesa parrocchiale a lui dedicata.

Hai bisogno di un Tour personalizzato?

Chiamaci

+39 389 019 0723

Scrivici

carlo@letsgotosardinia.eu

l

Contattaci

Compila il form

Hai bisogno di un Tour personalizzato?

Chiamaci

+39 389 019 0723

Scrivici

carlo@letsgotosardinia.eu

l

Contattaci

Compila il form